Inerti - Industria mineraria
Efficienza nel trattamento delle acque reflue nel rispetto dell’ambiente e delle risorse idriche

Sfida:
L’acqua di consumo che si forma a causa della lavorazione degli inerti ad umido non può venire semplicemente convogliata nel terreno senza venire preventivamente trattata. Un trattamento efficiente non solo deve rispettare l’ambiente ma anche tenere conto della scarsità delle risorse idriche in molte regioni.

Soluzione:
Le acque torbide provenienti dal lavaggio degli inerti vengono inviate al chiarificatore per forza di gravità o tramite pompaggio. Sulla tubazione di collegamento al chiarificatore viene iniettato un flocculante polielettrolita che provoca l’agglomerazione dei fini. Nel centro del chiarificatore ha inizio la sedimentazione dei fini che si depositano sul fondo e vengono convogliati al pozzetto centrale dai raschietti del ponte. Da qui il fango ispessito viene estratto con una pompa ad avvitamento a velocità variabile ed inviato al serbatoio di accumulo fanghi o all’impianto di disidratazione. L’acqua chiarificata risale alla superficie e confluisce in una vasca di raccolta, dalla quale l’impianto di trattamento viene nuovamente alimentato con acqua.

Vantaggio:
Gli impianti di chiarificazione Comec-Binder riducono al minimo l’impatto ambientale del trattamento dei materiali da costruzione.